Polvere

Catania

In quelle ore le strade di Catania erano semivuote perché molta gente era ancora in villeggiatura e quelli rimasti in città si erano ritirati in casa. La via Etnea calava dal Borgo quasi deserta, passava davanti alla Villa Bellini lungo la grande cancellata dietro la quale fiorivano grasse magnolie, davanti alla statua di Garibaldi che avvolto nel suo mantello di bronzo caldo di sole guardava verso piazza Duomo e gli archi della marina; pochissima gente ai tavoli dei caffè.
Un silenzio disteso, rotto appena da rumori sparsi di ruote di carrozzella sulle lastre di lava, o di una latta colpita da un calcio, dominava via Umberto per metà in ombra via Caronda con le botteghe dei sediari e dei fruttivendoli con le porte accostate. Anche il brulicante quartiere di San Berillo e dello Spirito Santo e via Gambino dietro piazza Bellini con le friggitorie, i verdumai, i pescivendoli in quegli odori di ricci, di cozze, di crispelle, di polpi bolliti, i formaggi, di cavoli si concedevano un poco di riposo.
Catania con le sue tentazioni, il pensiero di qualche compagna di scuola alla quale si erano sfiorate leggerissimamente le spalle la mattina mentre stava seduta al baco davanti durante la lezione di storia, Catania con i suoi crudeli obblighi cittadini, il pensiero doloroso della mamma che andava a letto con lo zio Concetto, la paura della bocciatura e della scoperta delle assenze, Catania con le sue piccole angosce sonnecchiava in quelle ore percorse dai gridi di qualche raro venditore ambulante che sceglieva la quiete del meriggio per far sentire meglio il suo richiamo.

Un bellissimo novembre, 1967, Ercole Patti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...