Puglia, Taranto

Era estate, anche a Taranto

Era estate, e cantavamo Attenti a Lupo mentre andavamo al mare. E la litoranea era bella, con le sue dune di sabbia e le piante, basse e spinose, che si allungavano fino agli scogli. Tenevamo i finestrini abbassati, e l’odore della salsedine si scioglieva fra i capelli e dentro i sedili. Cantavamo a squarciagola, con i costumi colorati sotto i vestiti. Sembrano passati secoli, ma sono trascorsi solo vent’anni.
 
Eppure, mai come oggi mi sento impotente. Mi sento impotente per la mia terra. Per la mia Taranto. Perché non faccio abbastanza. Perché le parole, perché le mie parole oggi, mi sembrano fumo di nuvola. E niente di più. 
 
Intanto Mario Desiati ha raccontato dell’Ilva su Repubblica Bari, in un articolo che si può leggere anche qui e che è commuovente, ed è fatto di cieli e di nuvole. E di nuvole è fatto anche le mie cento parole, oggi sulla Lettura del Corriere della Sera. 
 
Il fumo era denso e nero. S’allungava per Taranto, e copriva il porto e tutta città. “È il mostro” disse Cosimo. Lui l’Ilva la conosceva bene, ci aveva lavorato per trent’anni. E per trent’anni ci aveva lavorato anche suo fratello e suo cognato. Adesso, era suo figlio che stava dentro la fabbrica. La nipotina alzò gli occhi al cielo, riconobbe una nuvola a forma di drago. “Ci mangerà tutti?” domandò. Il nonno stava per rispondere che no, che quello doveva essere soltanto un incidente, e che presto sarebbe passato tutto. Perché a Taranto, tutto passa. Poi, però, il telefono squillò. 
 
Annunci

2 thoughts on “Era estate, anche a Taranto”

  1. Taranto è nel mio cuore anche se non è la mia città, ma potrebbe benissimo esserlo, perché Taranto è solo il punto estremo di quello che potrebbe diventare questa terra tutta, se continuiamo ad amministrarla con incuria e nonchalance, come se tutta questa bellezza fosse dovuta e non un bene da tutelare. Però non abbatterti. Parlane, parlatene, parliamone, gridiamo se è il caso, finché qualcuno non si deciderà ad ascoltare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...