Donne, Moda, Moda e Stile, The Meaning, Tutto, niente

Due o tre cose che ho imparato da Gianna Manzini

2134699-gianna_manzini_nel_1940

Gianna Manzini aveva un gatto. Un bel persiano grigio, che si chiamava Nuvolao e tornava spesso nella corrispondenza privata e nei romanzi dell’autrice, eternamente affollati di bestie. Gianna Manzini aveva anche un compagno (il grande Enrico Falqui) e, prima di lui, aveva avuto un marito (Bruno Fallaci, all’epoca responsabile della terza pagina della Nazione). Era pistoiese, ma aveva vissuto a Firenze e poi a Roma, in quel quartiere borghesissimo e un poco snob – almeno all’epoca, quando ad affollare i meravigliosi attici erano le signore bene di Roma, e non le moderne baby prostitute in sottoscala – che prende il nome di Parioli.

Esordì a trentuno anni con un romanzo dal titolo romantico che poi tanto romantico non era. Il libro si chiamava Tempo Innamorato, e venne pubblicato dai tipi di Corbaccio – che, nonostante il catalogo moderno, ha o una degna tradizione – nel 1927. L’ambiente fiorentino si surriscaldò, la critica lo accolse con entusiasmo e numerose furono le attenzioni di grandi come André Gide o Valery Larbaud – che, traslati all’epoca attuale dove gli intellettuali hanno tutti abdicato, potremmo riconoscere nei nostri Alessandro Baricco o, addirittura, in Erri de Luca.

Dopo Tempo Innamorato, cominciò a scrivere su Solaria, e il suo nome di scrittrice – dalle ossessioni famigliari declinate nella provincia e nel complicato rapporto con il padre, e soprattutto dalla prosa complessa e poco incline al compromesso con il lettore – prese a circolare nel maschilista mondo letterario dell’epoca, nel quale le donne potevano al massimo scrivere romanzetti rosa o raccontare di moda e costume.

In effetti, di costume e di moda Gianna Manzini scrisse, ma più per necessità – in fondo i conti a fine mese dobbiamo farli tornare tutti, e adesso come allora le riviste e i quotidiani erano ossessionati dal dare un allure critica e intellettuale a un mondo che, di per sé, queste caratteristiche già possiede (il problema è che nessuno vuole notarlo). Si firmava con lo pseudonimo di Vanessa, nome di altri tempi che rimanda a vestiti color pastello e a case sul lago, grandi occhi verdi e capelli lisci, sopra il seno, tirati indietro con un foulard.

“L’hanno dimenticata – mi spiega la studiosa Sarah Sivieri, che le ha dedicato il bel libro Scacciata dal Paradiso pubblicata dalla piccola casa editrice marchigiana Hacca, nel quale sono racchiusi alcuni scritti pungenti e irriverenti sui tempi e i costumi – perché non si faceva perdonare. Non cercava di compiacere gli altri. E poi la sua prosa è complicata”. Gianna Manzini, insomma, era una che a leggere i midcult che spopolano sulle nostre bancarelle o nei nostri supermarket all’ingrosso – potremmo definire librerie, se non per i classici, i luoghi deputati adesso alla vendita di volumi? – sarebbe svenuta o, più probabilmente, direttamente morta. Sarebbe inorridita, lei che aveva scritto quello splendido romanzo che è Ritratto in piedi – dedicato al padre-simbolo, l’anarchico Giuseppe Manzini – o La Sparviera cui protagonista era la tosse che non la lasciava mai libera, e di cui amava prendersi gioco.

Raccontò la realtà, eppure nessuno adesso ricorda i suoi romanzi che all’epoca le valsero gli apprezzamenti dei vari Montale e Vittorini; ed è piuttosto deprimente che ora la sua opera venga ripubblicata, ciclicamente questo va detto, da un sottobosco di case editrici dalla pessima distribuzione e dalla totale inettitudine promozionale. Ma in vita Gianna Manzini scrisse, e scrisse; vinse tanti premi ed ebbe numerosi riconoscimenti, eppure tutti a ricordarla per il suo aspetto fisico e la sua eleganza (non che questo sia negativo, però…) che dominano adesso sulla sua pregiatissima opera.

“Era una signora sempre elegante” ricorda Dacia Maraini. “Elegantissima” sottolinea Lorenza Trucchi, novant’anni e in agenda ancora tutti i nomi – per la maggior parte defunti – della Roma che conta. “Ci teneva a essere sempre in ordine: la borsetta in tinta con le scarpe, i capelli sempre perfetti, il trucco giusto” continua Dacia Maraini. E, ancora, la Trucchi, in questo divertente gioco di rimandi a posteriori: “Aveva gusto, non c’è altro da dire”.

Da dire ci sarebbe anche questa bella storia che mi racconta Dacia Maraini: “Una volta Elsa Morante mi raccontò che Gianna l’aveva chiamata dicendo: ho un regalo per te. Elsa pensava a un pensiero, a una scatola di cioccolatini, e invece Gianna le disse: ecco, Elsa, ti dono questo raggio di sole che adesso entra dalla mia finestra. Lei lo raccontava sempre, per dire che animo era”.

Una cosa romantica che sfiora soltanto (i rari) animi gentili. In fondo se una cosa Gianna Manzini me l’ha insegnata – oltre alla straordinaria, inimitabile, roccambolesca, capacità scrittoria – è che alla fine dei giochi l’aspetto esteriore e la capacità di coordinamento scarpe/borsa vale molto di più di tutto il resto. Scrittrici – e scrittori, ça va sans dire – sono avvisati: per i posteri è meglio avere in curriculum un vestito azzeccato (e casomai documentato sui social network, a imperitura memoria) che un successo editoriale.

Questo pezzetto è uscito su NuoviArgomenti.net

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...