In edicola, Toscana, Lucca, Tutto, niente

Il neofascismo intorno a noi

339512-preview-Michela-Murgia.jpeg

Michela Murgia non è solo una scrittrice di successo, e una conduttrice televisiva. Non è solo in giro per i teatri italiani con lo spettacolo sold out “Quasi Grazia” scritto da Marcello Fois, che racconta la storia di Grazia Deledda (“il teatro mi attrae solo per la misura di mettere in scena i miei testi, ma in questo caso salire sul palcoscenico aveva un senso profondo”). Ma è anche, forse soprattutto, un’attivista e un’intellettuale che si interroga sul tempo. Per questo giovedì 23 novembre sarà a Lucca, al Teatro San Girolamo, per l’incontro (ore 17:30) “Sempre fascismo è”, cui seguirà (alle 21) il monologo teatrale dell’attore Marco Brinzi “Autobiografia di un picchiatore fascista”.

Il tema del suo incontro è di straordinaria attualità. Soprattutto ora che il movimento dichiaramente fascista Casaggì, dopo aver vinto le elezioni studentesche a Prato e Pistoia, trionfa anche in provincia di Firenze. È forse un segnale?

In politica non esiste il vuoto: se c’è un varco, questo viene subito riempito. Da quando i soggetti politici strutturati sono assenti, nelle scuole e nella società, a prendere il loro posto sono forze alternative. Questi ragazzi molto spesso non sono fascisti, ma vengono strumentalizzati. Non hanno di fronte un’alternativa. Sono vittime della mancanza di contro-narrazioni. Il fascismo da storytelling diventa propaganda.

Diventa propaganda, e conquista consenso. Anche in Toscana.

Nella mia testa la Toscana è rossa, anche se la Lega qui ha preso molti voti. In questo caso però non si tratta di essere rossi, bianchi o neri. Il discorso è la predisposizione al populismo, che è la fase prima del fascismo. Il populismo agisce direttamente sull’umore e sui sentimenti delle persone. Se in una stanza hai venti persone, non potranno pensarla nello stesso modo. Il populismo però trova il modo di metterle d’accordo sfruttando il loro minimo comune denominatore che spesso parla alla pancia. Per questo nessuno è al sicuro.

Da cosa?

Dai meccanismi propri di questo fascismo dilagante. Dentro un vuoto di valori è possibile qualunque radicalizzazione. Il neofascismo per un italiano, l’ISIS per un ragazzo di etnia diversa.

Le ultime elezioni comunali a Lucca hanno rivelato il crescente consenso di CasaPound.

Lucca è un prodromo. La spia di una situazione che sta degenerando. Il problema però non è il fascismo, ma il fascismo nel momento in cui inizia ad organizzarsi. Per anni si è creduto che il fascismo fosse un’idea, invece è un metodo.

Un metodo che si deve imparare a interpretare. E lo racconterà proprio a Lucca mercoledì.

Non è stata una scelta casuale. L’indifferenza di tante persone mi fa pensare che in troppi abbiano perso le competenze civili necessarie per interpretare il presente. Ma se il fascismo tornasse, e sta tornando, come lo riconosceremmo?

Per questo lei ha stilato dieci fattori indicativi su cui riflettere.

Dieci marcatori in grado di evidenziare come il fascismo si manifesti anche in luoghi, e in momenti, inaspettati. La verticizzazione della figura del capo è uno degli elementi principali. Ma ha il suo rilievo anche la costruzione di un nemico che non è mai l’avversario politico, e non ha un nome specifico. Anzi viene riconosciuto in una categoria generica. E poi c’è la banalizzazione della complessità.

Che cosa significa?

Partendo dal fatto che il linguaggio dei politici strutturati è incomprensibile, e sembra voler allontanare le persone semplici, il populista parla come mangia o, almeno, si presenta così. In questo modo intercetta gli umori del popolo. Storicamente la semplificazione è necessaria, ma la banalizzazione è dannosissima perché tradisce la complessità, e la traduce in slogan. E così si arriva ai paradossi: siccome quello che dice Salvini si capisce, si pensa che sia il cuore delle cose. Ma Salvini non è un semplificatore, è un banalizzatore che a una domanda giusta, dà una risposta semplice ma sbagliata. Il suo atteggiamento è volontario, e si appropria di una categoria del linguaggio fascista. Ciascuna voce, dunque anche questa, se considerata in modo singolo non è fascismo. Ma quando uno comincia a contare cinque allarmi, qualche domanda dovrebbe cominciare a farsela.

In politica chi fa suonare più campanelli?

Il populismo è una strada facile. La complessità aiuta a costruire il consenso nel lungo periodo, ma è più facile agire su una paura istintiva per prendere il voto sul momento. Per un politico che non ha una visione da statista, non c’è niente altro di importante. Nelle sezioni storicamente si costruiscono i consensi della base. Bisognerebbe forse domandarsi per quale motivo Forza Italia non ne avesse bisogno.

Oggi qual è la cosa che la spaventa di più?

Siamo diventati un popolo di razzisti. Ma la cosa più spaventosa è la facilità con cui le persone cedono la responsabilità di se stessi a un altro. Questo spesso produce una rinuncia alla partecipazione politica e al coinvolgimento. Basta una sola generazione per perdere i valori democratici. La manutenzione della democrazia, soprattutto per un Paese dove questa è giovane come in Italia, è la cosa più complicata.

Ma chi dovrebbe farla questa manutenzione?

Le istituzioni nel senso civile. La scuola. Noi. La resistenza non si fa sui monti, ma comincia per le strade, nei teatri, nelle scuole, nelle case e nelle teste.

Oggi su “Il Tirreno”. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...